Paesaggi di segni

Video Ritratto di George Tatge

9’, Italia, 2021

Una vocazione adolescenziale verso la fotografia e una passione verso la letteratura, sono gli ingredienti che ben presto conducono George Tatge a eleggere la fotografia come autentico strumento di ricerca interiore. I lavori di Walker Evans e Paul Strand, ma soprattutto dell’amico Luigi Ghirri gli insegnano a sviluppare la sua naturale tendenza a fotografare con meditazione e lentezza. La conseguente scelta della macchina a banco ottico come “naturale” amplificazione dello sguardo lo portano alla ricerca di una commozione visuale, a fare i conti con una incertezza continua. L’indefinito e la sconfinatezza sono le linee guida per una ricerca sul paesaggio che sfida lo stile “cartolinesco" per ascendere a una sublime precarietà dell’immagine.

VIDEO RITRATTI DI FOTOGRAFI

Quindici volti, quindici professionisti e artisti dell’immagine, noti a livello internazionale, che per la prima volta si svelano davanti a un obiettivo, svelando anche un mondo privato fatto di rullini, macchine fotografiche analogiche e digitali, riflessioni grandi e piccole sul mondo e sull’esistenza. Nato da una ricerca sugli archivi fotografici d’autore e sugli studi d’artista, “Video Ritratti di Fotografi” si pone a metà strada fra il video portfolio e la video intervista, fornendo allo spettatore un punto di vista ravvicinato, in presa diretta, in grado di preservare l’elemento di autenticità dell’intervistato. Tutti accomunati da una riflessione di fondo sul paesaggio sia esso esterno o mappa del sentire interiore. Video Ritratti di Fotografi è stato proiettato presso la Cineteca di Bologna (2021) ad Artecinema - International Film Festival (2021) ed esposto a Firenze nel corso della mostra Pienovuoto (2020) a cura del fotografo Massimo Vitali.